Filtra per categoria

L'e-commerce della moda uomo su misura

Lanieri è la startup che sta rivoluzionando il sartoriale Made in Italy, introducendo un modello di business davvero innovativo, omnichannel, che inizia e finisce on-line, passando per l’off-line.

 

Simone Maggi e Riccardo Schiavotto sono i due giovani ingegneri, gestionale ed informatico, che nel 2012 hanno fondato Lanieri (www.lanieri.com). L’idea non nasce dall’interno della produzione sartoriale Made in Italy, si presenta piuttosto come la soluzione intelligente e decisamente innovativa a un problema concreto.

 

Storia dell'idea

Al tempo Simone e Riccardo vivevano a Parigi, seguivano un Master in Business Administration ed erano alla ricerca di un abito su misura per il giorno della graduation. Difficile però sceglierlo, provarlo, acquistarlo vivendo lontani dal proprio paese e soprattutto essendo spesso in viaggio tra diverse città europee. Non era possibile trasferire l’esperienza sartoriale on-line ed effettuare a distanza tutto il processo di acquisto? Non ancora.

Dal bisogno concreto arriva l’idea e dall’idea prende avvio il progetto di impresa innovativa: da principio doveva trattarsi di un e-commerce, di una piattaforma on-line dove scegliere tessuti, personalizzare i modelli, prendere le misure, acquistare. Un’idea, ci racconta Simone, che incontra subito un interlocutore importante e lungimirante, lo storico lanificio biellese Reda, che crede nell’idea, ne finanzia lo startup, e mette a disposizione del progetto quel che ancora mancava: il know how di prodotto, il magazzino tessuti e un’esperienza pluriennale nel mondo della sartoria italiana. Oggi il lanificio biellese è anche la sede fisica degli uffici della startup.

 

blazer

 

Verso la soluzione omnichannel

Automatizzare e soprattutto gestire a distanza tutto il processo di creazione di un abito su misura può incontrare però le difficoltà del cliente abituato a recarsi dal sarto, toccare con mano i tessuti, farsi prendere le misure, provare l’abito in fase di lavorazione, etc. Simone e Riccardo capiscono subito che la soluzione “solo on-line” non può funzionare, occorre integrare il canale digitale con l’off-line.

A gennaio 2014 i co-founder di Lanieri fanno la prima esperienza off-line: un temporary shop a Milano per proporre il prodotto e accompagnare il cliente in tutta l’esperienza d’acquisto utilizzando solo ed esclusivamente gli strumenti digitali che si trovano sul sito.

Il temporary shop funziona, i clienti sono soddisfatti e dopo il primo approccio dal vivo sono ben contenti di poter effettuare lo stesso processo da soli e soprattutto da qualsiasi posto ed in qualunque momento. Da questo alla scelta di aprire il primo atelier fisso a Milano, il passo è stato breve.

 

Lo spazio fisico si configura sempre più come con un’estensione a servizio dell’on-line, non viceversa. Ci fa notare Simone.

 

L’atelier è il luogo dove è possibile toccare con mano i tessuti – lane pregiate come sulle migliori lane sul mercato messe a disposizione da storici produttori di eccellenza quali Reda, Loro Piana, Ermenegildo Zegna, Vitale Barberis Canonico -, usufruire del supporto del personale per customizzare il modello, prendere le proprie misure e salvarle sul profilo personale così da essere in seguito completamente autonomi nel processo di acquisto.

 

Site-Atelier

 

Un modello omnichannel appunto in cui i diversi canali si integrano perfettamente producendo un’esperienza d’acquisto completa e gratificante. A dirlo sono i numeri:

  • nel 2015 l’80% dei clienti che ha effettuato un acquisto offline in atelier è tornato a comprare on-line.
  • Nell’ultimo anno la clientela Lanieri si è dimostrata molto fedele, con il 50% che porta a termine un secondo acquisto, soddisfatta del prodotto e incoraggiata dalla semplicità del processo d'ordine.
 

L’ambizione internazionale

Dopo l’atelier di Milano, Lanieri ha di recente inaugurato un atelier anche a Roma, nel quartieri Prati, seguirà Torino e successivamente il primo atelier oltralpe a Parigi. Si perché Lanieri guarda ai mercati stranieri e un vero processo di internazionalizzazione. Prospettiva del tutto coerente con la fortuna che la sartoria Made in Italy gode all’estero e vista l’esistenza, già oggi, di una clientela che non vive solo in Italia, ma anche in Europa, negli Stati Uniti, persino in Australia.

 

Il team di Lanieri

Tutta l’expertise è internalizzata, nel team lavorano oggi 13 persone che si occupano dello sviluppo, della comunicazione, del marketing della grafica, etc. Esterna quindi, ci spiega Simone, resta solo la produzione vera e propria dell’abito, affidata ad un network di aziende italiane leader nel mercato della moda uomo su misura e Made in Italy.

Un business model che sta funzionando e che ha saputo vincere le comprensibili reticenze di una clientela abituata ad essere personalmente seguita, grazie al mantenimento degli elevati standard qualitativi e grazie a una tecnologia innovativa facile da comprendere e soprattutto facile da usare.

 
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Il meglio del networking: i prossimi eventi su startup e innovazione

Il meglio del networking: i prossimi eventi su startup e innovazione

Startup Weekend, Investor Day, Social Media Week, ci lasciamo alle spalle eventi di networking di grande successo. Ma guardiamo avanti! Quali eventi da oggi alla fine del 2011 possono essere altre ottime occasioni per stringere relazioni, approfondire temi interessanti e conoscere investitori? Dopo ...

CONDIVIDI
Allerta meteo: 5 app che ti "salvano la vita"

Allerta meteo: 5 app che ti "salvano la vita"

In giorni di emergenza maltempo, rischio alluvioni ed esondazioni, sappiamo bene quale ruolo possono giocare social media e nuove tecnologie per la prevenzione o gli aggiornamenti in tempo reale. Ecco 5 applicazioni web e mobile utilissime in questi casi.

CONDIVIDI