Filtra per categoria

Davide D’Atri e' stato il fondatore di Beatpick ed e' oggi CEO di Soundreef, l’innovativa azienda inglese che fa concorrenza alle varie SIAE d’europa.

Nata come spin off  di Beatpick, azienda che si occupa ancora adesso di  consulenze musicali per la cinematografia, per la televisione e pubblicità,  Soundreef è oggi una realtà indipendente. La startup fondata in Inghilterra si propone di fare concorrenza a Italia, Spagna, Francia, Svezia e Germania in fatto di diritti musicali, con il fine di ricostruire completamente l’infrastruttura che gestisce le royalty per renderle più trasparenti e più efficienti. In che modo?  Remunerando l’artista, l’editore e l’etichetta per ciò che è stato effettivamente suonato. Il mercato che Davide ha scelto di indirizzare e dove ha percepito un ampio spazio di manovra è soprattutto quello della musica d’ambiente, ovvero la musica suonata nelle grandi catene, magazzini o centri commerciali. Il database contiene circa 150000 brani, e ogni brano viene pagato solo per quando viene trasmesso. Da Novembre 2010 Soundreef è diventata un'azienda vera e propria e durante il 2011 ha ricevuto due aumenti di capitale da un fondo d’investimento e da alcuni business angels. In bocca al lupo Davide! 
CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Un anno di Business Factor, grazie a voi!

9 mesi, 660 imprese e 385 idee. Il Business Factor emerge quando imprenditori, startupper, liberi professionisti, studenti, ricercatori, curiosi del mondo dell'impresa si uniscono per creare iniziative innovative e mettere in campo qualcosa di diverso. Il nostro bilancio 2011 non è fatto però sol...

CONDIVIDI
Due start up in evidenza: Soundreef e You can travel

Due start up in evidenza: Soundreef e You can travel

Come gestire le royalty musicali? E' possibile pagare solo la SIAE o ci sono delle alternative? E quando si desidera viaggiare, come districarsi tra le varie offerte diponibili nel web? Ecco due start up che rispondono a queste domande.

CONDIVIDI