Filtra per categoria

Alessio Semoli, investor ed esperto di marketing automation, presenta quali sono secondo lui le 5 regole fondamentali per una startup che vuole generare business.

Alessio Semoli è un giovane investitore, Presidente e Co-founder di Prana Ventures, un fondo di venture capital alla ricerca delle imprese digitali del futuro. Si occupa di web da sempre e negli anni ha creato diverse aziende ed agenzie che si occupavano di digital marketing, advertising, sem/seo, web analytics, performance marketing.

Il video è la ripresa dello speech che Alessio ha presentato in occasione dell'ultima tappa del Wind Startup Award | Italian Tour a Pisa. Di seguito un estratto concentrato della lezione che ha stregato la platea di startupper e innovatori del Talent Garden toscano!

Step 1: per generare business l'idea non basta.

Una buona idea da sola non basta, bisogna avere un piano di esecuzione ed essere pronti ad affrontare tutte le difficoltà che l'execution presenta. Insomma il vero sforzo non è riuscire a formulare l'idea vincente. Domandati: quale problema risolve la mia idea? Un'azienda, per essere definita tale, deve risolvere un problema, deve portare una soluzione. Domandati: che cosa sto facendo? Qual è la mia mission? Quello che per me è importante, è importante anche per gli altri?

Step 2: non perdere tempo nei dettagli inutili

I perfezionisti non sono i candidati ideali per lanciare una startup. È molto più importante saper sfruttare al meglio e al massimo il tempo a disposizione, che perdere tempo in dettagli inutili. L'impresa che stai per lanciare non deve essere perfetta, deve avere un motore che funziona per partire; una volta che avrai messo in moto, potrai apportare modifiche e migliorie strada facendo, testando.

Step 3: devi fatturare e per fatturare devi investire in advertising.

È importante fatturare presto: non rimandare questo aspetto, anche se hai ricevuto un finanziamento che ti ha permesso di avere una buona cassa di partenza. Se fatturi, significa che la tua idea funziona, che il mercato che hai identificato come tuo mercato di riferimento esiste ed è proprio il tuo. Ma non dimenticare che è importante anche fare margine:

"Il fatturato non è un indicatore, la profittabilità lo è".

Ricorda che per fatturare devi investire in pubblicità, se non investi in advertising, difficilmente riuscirai a fatturare, il progetto resta quasi invisibile, non acquisisci clienti.

"Non si mangia di soli SEO e un po' di social media marketing".

Il posizionamento è importante, ma richiede tempo, se faccio una startup, devo guadagnare da oggi. Il consiglio è: fai un prodotto meno perfetto, ma investi in marketing. Un errore comune di tanti business plan è proprio il budget troppo basso destinato agli investimenti in marketing.

Step 4: è fondamentale misurare e tenere tutto sotto controllo

Non esiste un modello, un modo "corretto" in assoluto di fare le cose. Il modo giusto è quello che scopri provando e sbagliando. Testare, monitorare, tenere sotto controllo le metriche per sapere sempre dove sei e dove devi arrivare, aggiustare il tiro. Soprattutto nel mondo digital, se non testi non vai avanti.

Step 5: automatizza il tuo modello di business

Se hai individuato processi che funzionano, puoi automatizzare. Ci sono nel marketing dei processi già automatizzati che consentono di acquisire contatti e trasformare questi contatti in clienti.

Il consiglio pratico di Alessio Semoli è: utilizza moltissimo l'A/B test e approfondisci quelle tecniche di marketing automation che si occupano di lead generation e lead nurturing.

E per concludere, ricorda che un buon team è fondamentale, anzi imprescindibile,

Un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l'impossibile.

CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI

Il marketplace dei prestiti online per le PMI

Il marketplace dei prestiti online per le PMI

InstaPartners è un'azienda appena nata che vanta co-founder e soci provenienti dal Gotha della finanza e della grande impresa made in italy. Cosa fa? Finanzia le PMI per coprire i crediti commerciali.

CONDIVIDI
Bad Seed vince il 3° Girone della Wind Business Factor Competition 2012

Bad Seed vince il 3° Girone della Wind Business Factor Competition 2012

Il campionato italiano delle startup e idee di business innovative nomina il vincitore del 3° Girone: Bad Seed Entertainment Bad Seed Entertainment, software house che sviluppa mobile game per le principali piattaforme smartphone e tablet, dopo essere stata selezionata per l'ultimo Investor Meeting...

CONDIVIDI