Filtra per categoria

Oltre l'alternativa tra profit e non profit, esiste oggi una terza via per le aziende che perseguono insieme il profitto e la felicità delle persone. Si chiamano Benefit Corporation e ce ne parla Paolo Di Cesare di Nativa S.r.l.

 

Cosa sono le B-Corporation

Le B-Corp, Benefit Corporation, sono aziende alle quali la legislazione riconosce uno stato giuridico nuovo: perseguono il profitto, massimizzando il loro impatto positivo sulla società e sull'ambiente. Paolo Di Cesare, designer e imprenditore, ha fondato nel 2012 Nativa, la prima Benefit Corporation™ in Italia e una delle prime al mondo.

Ci racconta che l'Italia è l'unico paese, insieme ad alcuni stati americani, ad aver introdotto il riconoscimento giuridico delle Società Benefit: aziende for-profit il cui oggetto sociale unisce la "distribuzione degli utili" e l'impatto positivo, migliorativo su comunità e ambiente naturale.

Ma non è sempre stato così, prosegue Paolo:

 

La certificazione B-Corp è un fatto recente, quando noi provammo per la prima volta ad inserire nell'oggetto sociale della nostra azienda "la ricerca della felicità delle persone", la Camera di Commercio di Milano si oppose, perché per statuto un'attività imprenditoriale deve avere come obiettivo la distribuzione degli utili.

 

Dal bilancio di sostenibilità alla progettazione "Future Fit"

Nell'ottica della crescita esponenziale della popolazione e di ciò che produciamo, sappiamo bene che il rischio al quale il nostro pianeta si espone è quello dell'esaurimento delle risorse che consentono la sopravvivenza della specie, insieme alla sovrapproduzione di scarti e rifiuti dall'impatto ambientale elevatissimo.

 

La terra è un sistema chiuso per materia, aperto per energia. 

 

L'ottica, che permea da anni le politiche internazionali per lo sviluppo sostenibile, è quella del riciclo, delle fonti energetiche rinnovabili, della riduzione dell'impatto delle attività umane sull'ambiente. Quest'ottica coinvolge naturalmente, anzi in primo luogo, le aziende, dalle grandi corporation alle startup e piccole e medie imprese; le riguarda non solo in termini di bilancio di sostenibilità e responsabilità sociale di impresa, ma in termini di design, di fase di progettazione. Una B-Corp è un'azienda che incorpora i concetti di innovazione esponenziale e i principi di sostenibilità nel proprio DNA, migliorando le performance economiche e creando valore per le comunità.

 

Nativa è un prototipo di azienda del XXI secolo. Il suo obiettivo è l’evoluzione delle attività economiche, affinché queste abbiano un impatto positivo e rigeneratore sulle persone e sul pianeta. 

 

La sostenibilità? È anche una questione di design

Tutto questo ha a che fare con la progettazione, bisogna progettare a prova di futuro. Nativa lavora per questo sia con imprese già esistenti che vogliono trasformarsi in imprese sostenibili, sia con startup, imprese che vogliono essere "future fit by design", fin dalle prime fasi della progettazione.

In questo senso il ruolo dei designer di prodotto e di servizi è centrale, a loro il compito di progettare secondo i principi del riuso, del minimo impatto, dell'usabilità sostenibile, pensando al ciclo di vita della materiaTutto questo è Green UX, progettazione di una User Experience sostenibile per l'utente, per la comunità e per l'ambiente.

Oggi in Italia le B-Corp certificate sono circa cinquanta e sono in crescita. Tra queste anche diverse startup.

Abbiamo incontrato Paolo Di Cesare al World Usability Day Rome 2016, evento italiano della Giornata Mondiale dell'usabilità che quest'anno ha privilegiato il tema della Sustainable User Experience.

Link utili:

http://www.nativalab.com/

Paolo Di Cesare su LinkedIn

CONDIVIDI

Entra o registrati gratuitamente per accedere ai contenuti esclusivi della nostra community.


REGISTRATI
TAG:

ARTICOLI CORRELATI